18 nov 2009

Finalmente PEC !

Ricordate il mio post di qualche tempo fa? Be! Dopo giusto “un pò di tempo” mi è arrivata la conferma di attivazione della mia Posta Elettronica Certificata.

Il mio indirizzo certificato è:

angelo.collevecchio.958@psypec.it

Speriamo bene!!!

Con la puntualità delle Ferrovie Statali, dopo  che mi è stata attivata la PEC, mi è arrivata una lettere da parte dell’Ordine degli Psicologi dell’Abruzzo mi ha spedito una lettera nel quale mi avvisa che è possibile attivare la PEC…. Veramente!!! E qualche mese fa cosa ho fatto!!!

Benedetto Ordine sempre tempestivo!!!!!

Master

Vi voglio presentare un altro Master attivato presso l’ “Istituto Beck” di Roma.  Mi ero ripromesso di non inserire corsi o master che non ho frequentato ma grazie alla conoscenza della Scuola e della serietà con la quale organizzano le attività sono sicuro che il Master sarà buonissimo.

Il master è in  ETNOPSICHIATRIA E PSICOLOGIA TRANSCULTURALE

Chiedo solo una cortesia a chi decidesse di iscriversi….mandatemi i vostri feedback!!!!

30 ott 2009

Master in Sessuologia clinica e disturbi sessuali

Carissimi, oggi vi voglio consigliare un fantastico Master. Il master in “Sessuologia clinica e disturbi sessuali” è organizzato dall’Istituto Beck di Roma. Il master è alla seconda edizione e comincerà appena finirà la prima edizione, che sto frequentando io.

Voglio presentare e consigliare questo corso in quanto lo ritengo veramente interessante e completo. Le lezioni sono molto interessanti e vengono presentati con gli ultimi aggiornamenti scientifici. Gli argomenti sono molto diversificati e coprono tutta la sessualità umana; si parte dai disturbi, si passa per la terapia di coppia e si arriva a discutere sull’influenza della religione nella terapia sessuale. I professori sono molto preparati, competenti e a disposizione degli studenti. Il materiale che i docenti utilizzano durante le lezioni viene solitamente inviato prima al fine di avere una idea degli argomenti trattati. Vorrei sottolineare che nonostante l’Istituto Beck abbia un’impostazione cognitivo-comportamentale le prime lezioni vengono spese per illustrare il modello di riferimento al fine di agevolare anche i professionisti di altri orientamenti. Se decidete di iscrivervi, mi raccomando…puntualità alle lezioni…sono molto precisi!!!

beck

13 ott 2009

CORSO RORSCHACH

Sta per cominciare a Pescara l’VIII Corso Biennale di Psicodiagnostica Rorschach organizzato dalla Scuola Romana Rorschach.

Chi fosse interessato può contattare me oppure la mia collega.

Dott. Angelo Collevecchio tel. 331.2986466

Dott.ssa Alessandra Rosa tel. 340.1414526

locandina ror

12 set 2009

Finalmente chiarezza II

A poco più di un mese dal mio post sulla sentenza del Tribunale di Milano sono venuto a conoscenza di un’altra sentenza molto importante per gli psicologi. Il Tribunale di Ravenna ha condannato il dott. Abela per esercizio abusivo della professione di psicologo. Il suddetto dottore si era laureato in filosofia ed aveva conseguito vari master e titoli in naturopatia e omeopatia. Secondo quanto rilevato durante il dibattimento il dott. Abela faceva indagini e approfondimenti di natura prettamente psicologica: parlava degli stati d’animo ed emotivi, parlava di malesseri fisici conseguenti a conflitti psicologici e altre informazioni psicologiche. In aggiunta il dott. consigliava anche comportamenti da adottare e prescriveva prodotti omeopatici. Il Tribunale ha rilevato che l’imputato compiva gli atti classici di uno psicologo: diagnosi, indagine e sostegno. In base a quanto rilevato è stato condannato per esercizio abusivo della professione.

Questa sentenza, secondo molti, potrà diventare un punto di riferimento legislativo in quanto mette un punto fermo sui compiti di altre “professioni” che negli ultimi anni si stanno diffondendo tutelando la professione dello psicologo.

Speriamo che con il passare del tempo si cominci a fare chiarezza sui compiti dello psicologo e sulla sua professionalità, distinguendo la professione riconosciuta dallo stato da quelle non riconosciute che vogliono lo stesso occuparsi della psiche delle persone senza la dovuta formazione .

31 ago 2009

Un mio piccolo intervento

Ciao a tutti oggi vi posto un mio piccolo intervento-consulenza su un famoso giornale italiano che si occupa di benessere: Silhuette Donna

silhuette1 silhuette2

05 ago 2009

PEC

pec



PEC è l'acronimo che sta per Posta Elettronica Certificata. Dato che le e-mail sono ormai il modo di comunicare più diffuso, la PEC è un modo di comunicare sicuro ed efficiente. Esso rappresenta l'evoluzione telematica delle vecchie raccomandate con ricevuta di ritorno. Le Poste certificate non possono essere attivate dal singolo individuo come per gli indirizzi normali, ma bisogna usufruire di gestori autorizzati. Ogni qual volta che una persona invia una e-mail i gestori dei servizi rilasciano al mittente della e-mail una ricevuto di ritorno che costituisce una traccia legale dell'avvenuto invio.

I gestori certificano quindi con le proprie "ricevute":

- che il messaggio è stato spedito

- che il messaggio è stato consegnato

- che il messaggio non è stato alterato

Avendo gli stessi effetti legali di una raccomandata con ricevuta di ritorno, grazie alla PEC verranno snellite le procedute burocratiche e legali.

L'Ordine Nazionale degli Psicologi ha sottoscritto un'accordo con uno dei gestori autorizzati per rendere le procedute più facili per i propri iscritti.

Io ho inviato da qualche giorno i moduli per attivare la PEC, vi terrò aggiornati sull'evoluzione della mia domanda!

04 ago 2009

FINALMENTE CHIAREZZA: counseling

Da qualunque parte si giri su Intener non si legge altro che scuole di counseling di vario genere. L'accesso a tali corsi è aperta a tutti: psicologi, medici, laureati in qualunque facoltà...senza distinzione. Dopo il diploma di tre anni si diventa counselor e si comincia a lavorare. Sicuramente più dello psicologo (un nome così english attira sempre!)! Ma cosa fanno i counselor?! Consulenze a limite della professione psicologia, al punto che qualcuno travalica il confine e si mette a fare psicoterapia...
Finalmente un pò di ordine!
Una sentenza del TRIBUNALE PENALE DI MILANO ha condannato un counselor per abuso della professione dello psicologo e lo psicologo con il quale collaborava.
Consiglio a tutti di leggere la sentenza. Chi di voi ha studiato Psicologia rintraccerà subito nella descrizione dei comportamenti e pensieri del "figlio" un disturbo di personalità che il counselor ha scambiato per creatività e influenza di Harry Potter.
http://www.opl.it/Allegati//OPL%20Informa/motivazione%20da%20allegare.pdf

E NOI SIAMO ANCORA NELLA PREISTORIA!!!!

Tempo addietro avevo letto una notizia sul web, non l'ho postata per paura di un errore e per non ammettere che noi italiani siamo indietro anni luce preistoriarispetto al resto del mondo!!
Qualche giorno fa ho ritrovato la notizia e mi sono sentito obbligato a postarla....
Per migliorare il bilancio nazionale, cosa si fà in Italia? La prima cosa è non rinnovare i contratti, licenziare il licenziabile...e noi psicologi in questa lista compariamo sempre tra i primi.
L' Inghilterra per migliorare il bilancio stanzierà 221 MILIONI di euro (entro il 2010) per impegnare ben 10000 psicoterapeuti (non 10 o 20, ma bensì 10000) nella cura e in programmi di prevenzione per i disturbi d'ansia e depressione.
Con calcoli alla mano, il Direttore di un prestigioso istituto di studi economici ha rilevato che un tale massiccio intervento non solo porta benefici ai pazienti ma anche alle casse dello Stato. Invece di imbottire i pazienti con farmaci i programmi di intervento psicologico avrebbero stessi risultati a breve termine e migliori a lungo termine.
Il Direttore del Centre for Economic Performance della London School of Economics ha cercato di calcolare tutte le conseguenze dirette e indirette dei disturbi sopracitati e ha analizzato tutte ricerce scientifiche che trattano di depressione con o senza farmaci. Dai risultati di questo immane lavoro lo studioso ha elaborato un progetto il cui scopo e curare queste patologia.
Durante le sue ricerche il Professor Lord Richard Layard ha rilevato che la psicoterapia che ha maggiore efficacia dimostrata è la psicoterapia cognitiva-comportamentale (TCC).
Secondo molti studiosi ci troviamo di fronte ad una vera e propria rivoluzione culturale e di approccio ai problemi sociali.
L'unica cosa che dobbiamo sperare è che questa rivoluzione avvenga presto anche in Italia altrimenti preparare il passaporto.....

17 mag 2009

Rita Levi Montalcini

Il 22 Aprile Rita Levi Montalcini ha compiuto 100 anni.
Nata a Torino, ha studiato medicina nella stessa città, dove riuscì ad entrare nella scuola medica dell'istologo Giuseppe Levi. In questa scuola cominiciò i suoi studi sul sistema nervoso. Ricerche che ha continuato per tutta la vita.
La sua vita è stata costellata di grandi scoperte scientifiche ma anche di eventi drammatici. In quanto ebrea sefardita fu costretta dalle leggi razziali del regime fascista ad emigrare in Belgio. La sua grande voglia di ricerca le fece continuare le sue ricerche in un laboratorio casalingo.
La scoperta storica per la quale è sempre ricordata e che le ha fatto vincere il nobel per la medicina avvenne nel 1951-52: il fattore di crescita nervoso (NGF : Nerve Growth Factor). Nel 1986 vinse il Premio Nobel per la medicina insieme al biochimico Stanley Cohen.
Tra le motivazioni del Premio si legge:
"La scoperta del NGF all'inizio degli anni Cinquanta è un esempio affascinante di come un osservatore acuto possa estrarre ipotesi valide da un apparente caos. In precedenza i neurobiologi non avevano idea di quali processi intervenissero nella corretta innervazione degli organi e tessuti dell'organismo".
La vita scientifica e pubblica della Montalcini è descritta in maniera chiara su wikipedia.
Nonostante l'età Rita Levi Montalcini ha un acume mentale e uno spirito giovane. Ho inserito di seguito l'intervista che Fazio le ha fatto a "Che tempo che fa".









compleanno4

MIP 2009

MIPII

Scusate!Scusate, per l'assenza prolungata.
Volevo ricordare a tutti che dal primo Maggio è cominciato il Maggio di Informazione Psicologica. Durante tutto il mese chi è interessato può chiedere una consulenza gratuita agli psicologici presenti nel sito. I professionisti sono a completa disposizione per un colloquio gratuito dopo il quale presenteranno con l'aiuto di alcune dispense che cosa è veramente la psicologia, la psicoterapia e la differenza tra i vari professionisti della salute mentale (psicologia, psichiatri, neuropsichiatri infantili...).

La cosa che mi ha maggiormente colpito è che tale momento di sensibilizzazione non sia stato organizzato dall'Ordine Nazionale degli Psicologi, ma da privati, che notando la poca conoscenza e la molta confusione che il pubblico non interessato ha sulla psicologia, si sono rimboccati le maniche e si sono mossi. La ciliegina sulla torta è che alcuni ordini regionali non hanno neppure dato il loro appoggio e patrocinio....

Ragazzi, penso che queta sia una buona occasione per avvicinare la gente alla psicologia, che non è solo malattia ma anche benessere generae della persona. Cerchiano di dare più rilevanza possibile a momenti di sensibilizzazione come questi.

29 apr 2009

DR PSYCHO:JODIE FOSTER MI AMA

dr psycho

Nel 1981 il sig. Hinkley tentò di uccidere, sparandogli, il presidente degli USA Reagan; il piano criminale non funzionò.
Il movente del tentato omicidio?
Semplice! Il sig. Hinkley voleva fare colpo su Jodie Foster, la quale era pazzamente innamorata di lui. Hincley per ricambiare e fare colpo su di lei decise di uccidere il presidente degli Stati Uniti.
C'è un piccolo particolare in tutta questa faccenda: l'attrice non aveva mai visto il "suo amore" e neppure sapeva che esistesse.
Il sig. Hinkley è, secondo molti, il più famoso caso di erotomania.
Questo disturbo porta un soggetto ad illudersi che una persona, solitamente famosa o di ceto più elevato, sia innamorato di lei. Le persone non devono necessariamente conoscersi o essersi mai incontrati. L'elemento importante è l'amore. Molto spesso le persone leggono anche gli elementi più semplici e innocui della vita di tutti i giorni nell'ottica di questo amore. Le persone affette da questo disturbo possono pensare che un oggetto perso sia stato, in verità, preso dallo spasimante famoso al fine di conservarlo e adorarlo. Il problema fondamentale è che con il passare del tempo queste ossessioni possono venir messe in pratica al fine di approcciare o fare colpo sulla persona famosa arrivando al punto di uccidere il presidente degli USA.

08 apr 2009

UN PENSIERO

Anche se ha poco attinenza con quanto sta accadendo a L'Aquila, leggendo un libro del Dalai Lama ho trovato questo passo molto significativo:
Ho perduto il mio paese, ho passato la maggior parte della mia vita in esilio, il mio popolo è stato torturato, massacrato, i templi rasi al suolo, la civiltà distrutta, il territorio devastato, le risorse saccheggiate. Non c'è nessun motivo per rallegrarsi. Tuttavia per altri versi mi sono notevolmente arricchito grazie al contatto con altri popoli, altre religioni, altre culture, altre scienze. Ho trovato forme di libertà e visioni del mondo che non conoscevo.
(tratto da I CONSIGLI DEL CUORE, edizione OSCARmondadori)

L'AQUILA

Aggiornamento
Purtroppo continua il tragico aggiornamento delle vittime della sciagura che ha colpito la città de L’Aquila. Fino ad ora, e speriamo in maniera definitiva, sono stati trovati 272 corpi senza vita, vi sono 28000 sfollati…Non ci sono parole per questa tragedia…
Purtroppo, oggi alle 19.58 un’altra scossa ha colpito i martoriati paesi continuando a scatenare panico e mettendo alla prova, per l’ennesima volta, i nervi di tutti. Dall’inizio della catastrofe i sismografi hanno registrato la bellezza di 354 scosse, di cui 182 nella giornata di ieri, una sessantina hanno fatto registrare un magnitudo superiore a 3.0.
Nell’infinita tristezza di quanto è accaduto fino ad oggi, si è avuta notizia del continuo imperversare di sciacalli che annunciano prossime devastanti scosse.
Come ciliegina sulla torta si è saputo che un giornalista si è fatto passare per sacerdote al fine di accedere all’autorimessa della scuola ispettori della Guardia di Finanza de L’Aquila che attualmente è adibita ad obitorio, probabilmente per fare qualche scatto alle vittime.
Le conseguenze del terremoto purtroppo non hanno confini, si è avuta notizia che a Chieti sono state evacuate 37 famiglie residenti in un condominio in Via Cesare De Laurentiis. Lo sgombero è avvenuto dopo che gli accertamenti dei vigili del fuoco hanno rilevato che le strutture non superavano le prove di staticità.
Oggi si sono svolti i primi funerali delle vittime, le famiglie hanno scelto celebrazioni private, senza clamore. Entrambe le persone erano due giovani di 24 anni: in particolare una ragazza di Bisenti e un ragazzo di Loreto Aprutino.
Dopo tante tristi notizie penso sia proprio il caso di dare qualche notizia positiva: dopo circa 42 ora dalla tragica ora è stata tratta in salvo una ragazza di 21 anni. È stato un vigile della compagnia di Venezia a salvare la giovane, l’entusiasmo per il lieto evento si è manifestato con una esplosione di applausi…La ragazza era cosciente, anche se in stato confusionale. Ecco il video


Gli psicologi intervenuti sul posto continuano a lavorare a tambur battente e molti professionisti si stanno muovendo per dare sostegno a quelle famiglie che sono ospitate nelle zone di Pescara e Chieti.

07 apr 2009

L'AQUILA

Aggiornamento
Pochi minuti fa, intorno alle 20 circa, un’altra scossa sismica colpisce L’Aquila e i piccoli paesi limitrofi. L’intensità dell’ultima scossa non è ancora definita ma sicuramente è stata molto più forte di quelle che ci sono state dall’altra notte. L’ultimo terremoto è durato circa 10 secondi ed è stato avvertito anche a Roma.
Purtroppo si aggiorna anche il numero delle vittime: 211 sono fino ad ora i corpi emersi dalle macerie, di questi alcuni non sono stati identificati. Le persone ancora disperse sono 17.
Ad aggiungersi ai tragici aggiornamenti delle vittime, che di volta in volta si susseguono sui mezzi di informazione, c’è da evidenziare lo sciacallaggio mediatico che si sta espandendo a macchia d’olio, numerose persone stanno ricevendo catene di Sant’Antonio di sms in cui si avvisa di ulteriori scosse di devastante magnitudo scatenando così panico e terrore oltre nei paesi già colpiti anche a paesi nella costa. Da questa mattina i telegiornali non fanno altro che avvisare la popolazione che non è prevista nessuna nuova scossa, in quanto non vi è la possibilità scientifica di prevedere un terremoto.
Oltre agli aggiornamenti generali è il caso di aggiornarvi anche sulle novità riguardante la nostra professione.
Sono stato informato, tramite dirette persone e e-mail, che da ieri, ma oggi a pieno ritmo sono presenti i nostri colleghi psicologi a sostenere le persone in difficoltà. Sono state formate già delle task force di psicologi delle emergenze che stanno lavorando alacremente cercando di arginare i possibili disagi psicologici che questo tipo di eventi possono lasciare nella psiche dei terremotati.

06 apr 2009

L'AQUILA


Alle 3.30 di questa notte, una violenta scossa di terremoto a fatto tremare la città de L’Aquila e i paesi limitrofi. Da subito sono partiti i soccorsi e, ancora ora, continuano le ricerche dei dispersi. Purtroppo il bilancio, ancora provvisorio, è di circa 150 morti, 1500 feriti e circa 70000 sfollati ( primadanoi ).
Molti feriti sono stati ospitati presso l’Ospedale Civile di Pescara, a causa della mancanza di posti letto nei reparti, sono stati organizzati posti persino nell’ingresso.

Una mia collega che vive vicino la città colpita mi ha detto che questa mattina sembrava che ci fosse stata una guerra e bombardamenti. Dalle prime informazioni si è calcolato che molte vittime sono bambini e ragazzi. Tra le strutture che ha subito danni vi è la Casa dello Studente.
A quanto sono venuto ad appurare sono partiti già i primi psicologi volontari e mi hanno detto che anche le associazioni che si occupano di psicologia delle emergenze. Si stanno organizzando per portare la loro professionalità e il loro sostegno.

L’Ordine Nazionale degli Psicologi ha emanato un comunicato stampa in cui esprime la propria vicinanza agli abitanti de L’Aquila.

Vi riporto il Comunicato stampa:
06/04/2009 - Il Consiglio Nazionale Ordine Psicologi manifesta a tutta la comunità abruzzese il proprio cordoglio per le vittime e solidarietà ai parenti ed ai sopravvissuti al terribile evento sismico. Gli psicologi italiani, ed in particolare gli esperti in psicologia dei disastri, sono già mobilitati per organizzare i soccorsi ai traumatizzati psichici. Gli specialisti del gruppo di lavoro sulla psicologia dell’emergenza del CNOP fanno riferimento al Consigliere Referente per le Emergenze dell’Ordine degli Psicologi dell’Abruzzo che si trova sul luogo della tragedia con il compito di coordinare tutte le risorse disponibili. A tal proposito gli Psicologi italiani che volessero dare la loro disponibilità per eventuali interventi volontari possono telefonare al Consiglio Nazionale al numero 06.44292351 o al n. 340.5129401 indicando nominativo recapito telefonico e tipo di disponibilità.Infine, l’Ordine degli Psicologi raccomanda a quanti in questo momento stanno raccogliendo foto e video delle scene dei disastri e delle persone coinvolte ad usare la massima cautela nella diffusione poiché tali immagini possono contribuire a causare ulteriori traumi.

12 mar 2009

RECENSIONE: I LOVE SHOPPING

pellicola2
Ho visto il film...bellissimo. Veramente non mi aspettavo un film così divertente, dopo aver letto delle critiche non proprio entusiasmanti. Sicuramente non è un film impegnato che tratta della fame nel mondo o della guerra; è un film delizioso da vedere con gli amici e farsi delle sane risate.
Come mai recensisco un film del genere in un blog di psicologia? Il film descrive la vita di una ragazza con il disturbo da shopping compulsivo, e tutte le vicissitudini ad esso correlate. Tutto il film è una continua risata ma ci sono un paio di momenti molto importanti per gli psicologi.
Il primo è il monologo in cui lei descrive le emozioni che prova quando fa spese, delle soddisfazioni e del fatto che facendo acquisti pensa di trovarsi "in un mondo migliore"; è veramente un momento particolare, descrive, sempre con ilarità, i sentimenti che molte persone affette da questo disturbo denunciano.
Altro momento in cui la briosa protagonista descrive il disturbo è in un dialogo in cui parla del processo compulsivo: si sente triste, gli acquisti la rendono felice, dopo aver comprato si sente di nuovo triste e il circolo ricomincia.
Che dire?Consiglio a tutti di vedere il film...sia perchè è divertentissimo sia per le pillole di psicopatologia che vi sono inserite. Consiglio il libro, l'ho letto ed è anche più divertente!
Come ogni buon film dedicato alle risate, vi è un buon finale.

04 mar 2009

PORTA A PORTA

Sono le 23.05...questa sera a "Porta a Porta" si parlerà delle fobie. Chi viene invitato per discutere ed illustrare tutto il corteo dei disturbi di panico e fobie?
Aspetto un attimo, sicurissimo che ci sarà uno psicologo e infatti trovo Crepet e un Neurologo....allibito.
Non so se riuscirò a seguire la puntata e a dir la verità non so se voglio...
Domani mi aggiornerò, sicuramente rimarrò esterrefatto dalla mancanza di uno psicologo, e vi scriverò.
Aspetto anche vostri commenti!
Buona notte!

23.35
Non riesco ad andare a dormire...Il neurologo vede esclusivamente l'aspetto medico, il panico è una malattia e basta...nel 2009...pazzesco!!!
Hanno invitato la scrittrice...ma lo psicologo?!
Si parla di psicanalisi, terapia cognitiva-comportamentale...senza psicologo.

23.44
Scusate!
Si parla di psicoterapia...in negativo!Come quasi una trappola psicologica che gli psicologi usano per creare dipendenze e farsi soldi...

19 feb 2009

IL MITO...ESISTE!!

Da tempi remoti, vi è un mito tra gli psicologi... si narra che esista un tesserino che l'ordine degli psicologi rilascia ad ogni iscritto.
Devo ammettere che non credo ai miti e quindi avevo archiviato l'argomento come la classica leggenda metropolitana.... la classica cosa.....all'amico di un amico di un mio amico è arrivato...
Io dall'ordine non ho mai ricevuto niente, anzi, l'unica cosa che arriva puntuale come un orologio svizzero è il bollettino da pagare ogni anno.

Oggi arrivo a casa, e trovo due buste proveniente dell'ordine degli psicologi d'abruzzo. Apro la prima è insieme ad un paccotto di fogli che proponevano l'apertura di un conto presso una banca e ad un foglio con pubblicizzato un corso, arriva la sorpresa...

tesserino4

Sono rimasto senza parole...mi sembrava di stare sognando per due motivi principali: perchè non pensavo che esistesse e perchè me lo hanno mandato!!!!
Felice ed esterrefatto apro la seconda busta e il sorriso si trasforma in una smorfia di dolore... è arrivato, l'orologio svizzero ha scoccato le ore...
Per una cosa che l'ordine dà una ne toglie...per un tesserino che ti dà 170 euro ti toglie... Si, avete capito bene...CENTOSETTANTA EURO!!!
Pensavo di chiedere all'ordine se restituendo il loro dono, mi potevo tenere le 170 (e ripeto CENTOSETTANTA) euro...non penso che accetteranno.
Mi chiudo nel mio lutto e vi saluto!
CENTOSETTANTA EURO!

18 feb 2009

DR PSYCHO: LA SINDROME DI GERUSALEMME

dr psycho


Un turista che conosce poco la religione cattolica accompagna la moglie a visitare Gerusalemme. Arrivato in città, comincia a provare emozioni contrastanti, connotate da ansia ma allo stesso tempo felicità. Inizia ad allontanarsi dal gruppo, dice di essere particolarmente ispirato e inizia a discorrere di passi biblici...che poco conosce; prova momenti di malessere... Tutto finisce quando parte insieme alla moglie per tornare a casa.

Tale insieme di sintomi: ansia, felicità, momenti di smarrimento seguiti da momenti di "ispirazione" connotano la Sindrome di Gerusalemme.

Le persone affette dalla Sindrome di Gerusalemme non hanno alle spalle altri disordini mentali, le vittime tendono ad avere un background culturale religioso molto forte, di solito protestante. Di solito la Sindrome è mista ad agitazione, bisogno compulsivo di purificarsi e predicare ad alta voce. Molto spesso le persone non hanno una conoscenza approfondita della teologia, quindi i loro sproloqui possono essere caratterizzati da contraddizioni. Nei momenti di disagio l'individuo si sente sopraffatto dal fervore religioso, di ciò che lui ritiene (in buona fede) "santo". Il disturbo si risolve da sè una volta lasciato Gerusalemme.

17 feb 2009

ANCORA!!!!

RAGE_by_krio0ut
Sono blu dalla rabbia per la mancanza di conoscenza di chi fa il nostro lavoro e giudica...
Mi trovavo ieri a discutere del più e del meno con uno psichiatra che conosco (...non molto...a dir la verità) e siamo finiti a parlare degli indirizzi psicoterapeutici. Lui è di indirizzo psicodinamico (analitico o simili), io, come sapete, ho un approccio cognitivo-comportamentale. Mentre parlavamo dei vari interventi, con una calma e sicurezza dice:"la terapia cognitiva va bene per il sintomo ma non va in profondità"....
Sono rimasto completamente esterrefatto! Io non conosco bene l'indirizzo psicodinamico ma non mi permetterei mai di giudicarlo!! Non lo conosco!PUNTO. La cosa che mi ha fatto diventare blu è dovuta alla mancanza di conoscenza, minima, degli ultimi (ultimi 40 anni, intendo!) sviluppi dell'approccio CC. Sicuramente, il modello comportamentale si interrogava e cercava di risolvere i comportamenti disfunzionali...solo i comportamenti, ma oggigiorno, con l'avvento del cognitivismo non si risolve solo il sintomo ma si lavora sui pensieri e gli schemi profondi della personalità. Il concetto di "profondo" è differente tra l'approccio psicodinamico e quello CC ma ciò non implica che il primo indirizzo sia obbligatoriamente "più profondo" o migliore...sono differenti.

24 gen 2009

SU "IL MESSAGGERO"

Mi trovavo bello bello in palestra a non fare niente, o meglio, a leggere il giornale che mi capita sotto gli occhi “Il Messaggero”. Sfoglio le pagine e arrivo a pagina 5 dove vi è la rubrica di Roberto Gervaso “A tu per tu”; vi era riportata la lettera di una signora che chiede consiglio per la propria depressione. Lo scrittore risponde raccontando la propria esperienza con il “cane nero”. Continuo a leggere e il mio cuore comincia a raggiungere i 145 battiti senza bisogno di salire sul tapis roulant, l’autore scrive: “si tenga alla larga da analisti e psicanalisti, a meno che non si chiamino Freud e Jung (che, da anni, non danno più appuntamenti). Il miglior medico del depresso è il depresso stesso, ma, mi creda, anche i farmaci, certi farmaci, prescritti rigorosamente da un uno neurologo o da un buon psichiatra, sono un’ancora di salvezza, uno strumento infallibile di guarigione”. Per rassicurare la signora continua: “Ho conosciuto alcuni depressi, grandi depressi, depressi famosi e fortunati, che innamorandosi, hanno ritrovato la serenità e conosciuto la felicità. L’amore è la terapia più efficace e miracolosa contro il “male oscuro”, …”, e scrive: “ le auguro di guarire al più presto e le dico che guarirà perché il “male oscuro” distrugge solo che si lascia distruggere”.
Veramente consigli utilissimi….
Invece, di presentare alla signora un aiuto il più possibile senza farmaci il “luminare” sostiene che l’unica terapia sono medicine e amore. E se la signora non riesce a reagire? Rileggendo la risposta del grande GIORNALISTA, capirà che lei non è abbastanza forte, è una fallita….
Sono rimasto basito nel leggere l’articolo…vi è una vera e propria ignoranza sulle questioni psicologiche…anche i giornalisti ormai fanno psicologia…e tutto a scapito di una scienza che da anni cerca di sensibilizzare al malessere della psiche. La psicologia rimane una straniera

21 gen 2009

RACCONTI PSICO-ZEN

C’era una volta un uomo molto ricco, tanto avaro da non sopportare di spendere neppure un centesimo della sua immensa ricchezza. Un giorno andò a trovarlo il maestro zen Mokusen…
“Se tenessi la mano a pugno, per sempre, come la definiresti?”
“Deforme”
“E se l’aprissi così, e la tenessi così, per sempre, come la definiresti?
“Lo stesso, deforme”
Il maestro andandosene:
“Finché lo terrai presente, sarai un uomo ricco e felice”.
Da quel giorno il ricco divenne generoso. Era ancora frugale, ma sapeva anche come spendere il denaro e contribuire all’elemosina.

Tutti gli opposti, bene o male, avere e non avere, beneficio e danno, sé e altri, sono dovuti a distinzioni della mente. Appena diamo spazio a questi concetti, ci allontaniamo dalla nostra mente originale e soccombiamo a questo dualismo.
zen22

09 gen 2009

GIOCO "NEUROBICO"

Come vi avevo promesso sto facendo fare un pò di palestra ai miei neuroni... Ecco un simpatico gioco che ho trovato in rete. Provate anche voi! In bocca al lupo!


Mind Cards


Aprite la vostra mente in questo gioco che mescola logica, memoria, abilità e velocità.
Avrete 2 minuti di tempo per completare le varie operazioni che vi appariranno sullo schermo. Vi verranno poste molte domande; alcune saranno banali (ma con la fretta si rischia di sbagliare comunque!), altre saranno un po' più difficili e testeranno la vostra memoria e la vostra abilità a pensare velocemente.
Su ogni carta verranno mostrate le istruzioni. Seguitele correttamente per ottenere il punteggio più alto possibile.
Sbrigatevi, e vediamo chi riuscirà a fare il record!

Si gioca con il MOUSE e con la tastiera (dovrete digitare le cifre richieste e premere INVIO).




02 gen 2009

NEUROBICA

2 Gennaio 2009….
Come ogni inizio anno faccio i propositi….poi non li seguirò, non li raggiungerò….ma è bello farli…
Nella lista delle attività da fare con costanza oltre ad una alimentazione più sana e alla palestra ho deciso di inserire gli esercizi di Neurobica
Che cosa è questa parolaccia?
La Neurobica è una nuova disciplina che sta prendendo piede negli ultimi anni anche in Italia. Scientificamente si basa sul presupposto che il nostro cervello non è rigido ma è sempre in evoluzione. Come alleniamo i muscoli e la respirazione tramite la palestra e l’aerobica…possiamo allenare il nostro plastico cervello con la neurobica.
Come? Secondo ricerche scientifiche la routine, a mancanza di stimoli nuovi e di creatività portano ad una sempre maggiore rigidità cognitiva.
Lo scopo di questa aerobica per i neuroni è quello di aiutare a mantenere un buon livello di prestazioni, flessibilità e agilità mentali.
Tutti questi obiettivi si possono raggiungere utilizzando i nostri sensi in maniera differente, affrontando nuove esperienze e rompere la routine.
Gli esercizi sono molto semplici e di “uso” quotidiano…
- capovolgere l’orologio di casa;
- cambiare strada per andare a lavoro;
- lavarsi i denti utilizzando la mano sinistra(la destra per i mancini)

Chi sa se cominciando a fare questi piccoli esercizi riuscirò a raggiungere anche gli altri obiettivi dell’anno 2009? Vi terrò aggiornati