15 feb 2012

.....e ancora ENPAP...

Dopo lo scandalo Enpap che è scoppiato negli ultimi giorni, con la Guardia di Finanza che fa le dovute indagini, con gli psicologi furiosi per come i soldi vengono gestiti in maniera alquanto discutibile, oggi è arrivata la chicca delle chicce....il bollettino del pagamento dell'Enpap....da pagare entro la fine del mese.
Quest'anno pagare mi pesa molto più degli altri anni...potrò un giorno andare presso la nostra fantastica sede e prendermi delle mattonelle come riscatto per tutti i soldi che sto versando??   :-)

RECENSIONE: DISTURBI DELL'ATTENZIONE

Come mia  abitudine, cerco di presentare sul mio blog i libri che mi sembrano più interessanti. 
Ultimamente si parla sempre più di Disturbi dell'Attenzione, anche a fronte di nuove normative che regolano il comportamento della scuole nei confronti dei bambini affetti da questo tipo di problematiche. 
Oggi volevo portare alla vostra attenzione un testo molto interessante e completo sul Disturbo dell'Attenzione.
Il Manuale si intitola: DISTURBI DELL'ATTENZIONE - Sopravvivere all'ADHD: manuale per psicologi, medici, insegnanti e genitori. 
Il libro osserva il disturbo sotto diversi punti di vista: le caratteristiche, la diagnosi e i diversi tipi di trattamento (farmacologico, cognitivo e metacognitivo). Come si evince, il Manuale si prefigge come scopo quello di aiutare gli psicologi, i medici e gli insegnanti ad affrontare adeguatamente questa problematica.
L'autore del testo è il dott. Davide Viola che vi ho già presentato in un altro post. Come nell'altro testo anche in questo vi è, oltre ad una interessantissima parte teorica, un'ampia rassegna di indicazione pratiche finalizzate ad aiutare il  bambino e i genitori.





TITOLO: DISTURBI DELL'ATTENZIONE - Sopravvivere all'ADHD: manuale per psicologi, medici, insegnanti e genitori.
AUTORE: Davide Viola
CASA EDITRICE: libreriauniversitaria.it


03 feb 2012

LETTERA ENPAP

Dopo il post di ieri, oggi vi presento una lettera che una mia cara e battagliera collega ha scritto al presidente dell'ENPAP....
Invito tutti a condividere la lettera e inviarla alla segreteria del nostro CARISSIMO ente....


Gentile Presidente,io sono, come molti altri, un'iscritta all'Enpap non proprio entusiasta. Vale a dire, la mia iscrizione a questo ente è in essere solo in quanto obbligatoria, perché non approvo affatto il sistema contributivo da voi elaborato, che trovo ingiusto e poco attento alle reali possibilità degli iscritti; io, e penso che come me molti altri, ho un reddito tale che faccio già una enorme fatica a gestire la vita di tutti i giorni con le spese che comporta, ma per pagare a voi i ben oltre 1000 euro che ogni anno mi vengono richiesti ho serissime difficoltà. Altro motivo del mio scarso entusiasmo è che probabilmente una pensione, con questi redditi, non la vedrò mai, e ho la costante sensazione che tutti i soldi che verso siano sprecati( e penso che lei si renda conto che in questo momento storico sprecare soldi non è cosa piacevole), anche perché non so come vengano utilizzati questi soldi.
O almeno, non lo sapevo fino a ieri. 
Ieri, come molti altri colleghi, ho letto con crescente indignazione la seguente notizia:L'ENPAP acquista un palazzo a Via della Stamperia a Roma pagandolo esattamente 18 milioni di euro in più del suo valore di mercato.


Penso che possa essere comprensibile che questo scandalo, che per molti è solo uno dei tanti, tocchi noi psicologi molto da vicino. Noi facciamo letteralmente i salti mortali per corrispondervi le cifre (eccessive , a mio modesto parere) che ci vengono richieste puntualmente, mentre voi, il presidente, gli organi statutari e amministrativi, sprecate letteralmente diciotto milioni di euro per acquistare un palazzo che vale evidentemente di meno di ciò che avete pagato. 


Non mi interrogo su cosa possa esserci dietro questo acquisto, che per usare un eufemismo, definirei "incauto", perché sicuramente qualcosa c'è dietro, e sicuramente non la saprò mai.
Ma quello che voglio chiedere è che, una volta tanto, voi che occupate posti che in un modo o nell'altro sono di potere, che gestite (in modi che di fatto noi non  possiamo controllare) soldi che noi iscritti vi diamo obbligatoriamente e con grande sacrificio, che una volta tanto, dicevo, voi mostriate di avere quella cosa tanto sottovalutata che è il senso della vergogna. Perché non penso possa esserci altro modo di definire questo fatto se non vergognoso appunto.


Presidente, visto che l'ENPAP si può permettere di buttare letteralmente 18 milioni di euro, perché quest'anno non ci evitate il salasso dei mille e più euro che siamo costretti a pagarvi? Prendeteli dalle vostre-evidentemente fin troppo floride-casse, invece di costringere noi iscritti ad una spesa che, per molti, è decisamente fuori portata?


Questa non è una provocazione, anzi è una vera e propria proposta, e se in questo ente ci fosse una qualche volontà di trasparenza forse sarebbe il caso di prenderla seriamente in considerazione.


Cordiali Saluti,


Dott.ssa Serena Leone



Ecco i recapiti dell'ENPAP:

e-mail info@enpap.it
fax 06/97748651


Segreteria Generale
e-mail segreteriagenerale@enpap.it
fax 06/97748653




02 feb 2012

ENPAP


Con l’ultima finanziaria abbiamo capito che per andare in pensione dovremo aspettare almeno il compimento dei 100 anni…giorno più,giorno meno…
Bisogna fare sacrifici, ridimensionare il proprio stile di vita, cercare di risparmiare.
Noi psicologi ci siamo rimboccati le maniche, abbiamo capito che per la pensione dobbiamo aspettare MOLTO tempo…ma almeno avremo una pensione decente. Siamo sicuri di ciò perché ci fidiamo della nostra cassa mutua: ENPAP.
E invece…
Oggi ho scoperto che il nostro carissimo Ente ha appena fatto un affarone comprando un immobile per la modica cifra di 44,5 milioni di euro. L'immobile si trova a Roma in Via della Stamperia, vicino la Fontana di Trevi. Leggere di questo affare mi ha fatto accapponare la pelle di vista la irrisoria somma. La cosa che maggiormente mi ha colpito è che la nostra carissima cassa mutua, con i nostri carissimi e abbondante contributi ha acquistato il palazzo da un senatore del PdL, il quale aveva, a sua volta, acquistato lo stesso immobile, lo stesso giorno per 26,5 milioni di euro. Il senatore Riccardo Conti ha guadagnato nel giro di poche ore la bellezza di 18 milioni di euro. Penso che ognuno sia libero di fare i propri affari e guadagnare con il proprio lavoro, detto questo: mi chiedo come abbiano fatto i dirigenti dell’ENPAP a non sapere della trattativa precedente.
Non si sono accorti che il costo dell'immobile, anche se nel centro di Roma, era un po' eccessivo?
Con l'esplosione dello scandalo è esplosa anche la rabbia degli psicologi che desiderano comprendere meglio come sia potuta avvenire una tale vicenda. Il presidente dell’Ordine del Lazio, Marialori Vaccari, ha scritto una lettera ad Angelo Arcicasa, presidente dell'ENPAP, al fine di comprendere con chiarezza quanto è avvenuto.
A fronte del marasma mediatico scoppiato intorno alla vicenda la nostra CARISSIMA cassa mutua ha cercato di disinnescare la polemica con un breve comunicato stampa nel quale sostiene: “ riteniamo doveroso assicurare ai nostri iscritti sulla assoluta economicità dell'operazione immobiliare volta a salvaguardare e implementare il patrimonio dell'Ente e svolta in assoluta legittimità, regolarità e trasparenza".
Spero tanto che la Guardia di finanza possa fare chiarezza in questo affare molto opaco….